Cassazione civile Sez. I sentenza n. 13863 del 24 settembre 2002

(1 massima)

(massima n. 1)

La previsione dell'art. 5, settimo comma, della legge 1 dicembre 1970, n. 898 (come modificato dall'art. 10 della legge 6 marzo 1987, n. 74), secondo cui la sentenza di scioglimento del matrimonio deve stabilire un criterio di adeguamento automatico, almeno con riferimento agli indici di svalutazione monetaria, dell'assegno posto a carico di uno degli ex coniugi (salva la possibilità per il tribunale di escludere tale previsione, con motivata decisione, in caso di palese iniquità), applicabile indipendentemente da apposita domanda di parte, deve essere, logicamente, estesa anche al provvedimento in tema di assegno adottato in sede di revisione ai sensi dell'art. 9, primo comma, legge cit. (come modificato dall'art. 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74), il quale tiene luogo di quanto in proposito disposto dalla sentenza e svolge la medesima funzione.

Articoli correlati

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.