Cassazione civile Sez. I sentenza n. 4489 del 29 novembre 1976

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della determinazione dell'ammontare dell'assegno spettante alla moglie divorziata, il giudice, nell'accertare la condizione economica del marito a norma dell'art. 5 della L. 1 dicembre 1970, n. 898, pu˛ legittimamente tener conto anche delle spese gravanti sul medesimo per il mantenimento di una donna con lui convivente more uxorio. Tale convivenza, infatti, una volta cessati gli effetti civili del matrimonio, non costituisce illecito e soddisfa una normale esigenza di assistenza morale e materiale e, perci˛, deve essere presa in considerazione ai fini del calcolo del reddito effettivo del marito.

Articoli correlati

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.