Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 28158 del 16 luglio 2007

(2 massime)

(massima n. 1)

Ai fini della sussistenza del dolo specifico richiesto per l'integrazione del delitto di gestione abusiva di ingenti quantitativi di rifiuti, previsto dall'art. 53-bis D.Lgs. 22 del 1997 (ora sostituito dall'art. 260 D.Lgs. n. 152 del 2006), il profitto perseguito dall'autore della condotta pu˛ consistere anche nella semplice riduzione dei costi aziendali.

(massima n. 2)

Per la configurabilitÓ del reato di cui al Decreto Legislativo n. 22 del 1997, articolo 53-bis (attivitÓ organizzate per il traffico illecito di rifiuti) (oggi riprodotto integralmente nell'art. 260 D.Lgs. n. 152/2006), Ŕ necessario il dolo specifico. Inoltre il c.d. "ingiusto profitto" Ŕ configurabile anche nella semplice riduzione dei costi aziendali.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.