Cassazione civile Sez. VI ordinanza n. 11329 del 26 aprile 2019

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di spese processuali, la facoltÓ di disporne la compensazione tra le parti rientra nel potere discrezionale del giudice di merito, il quale non Ŕ tenuto a dare ragione con una espressa motivazione del mancato uso di tale sua facoltÓ, con la conseguenza che la pronuncia di condanna alle spese, anche se adottata senza prendere in esame l'eventualitÓ di una compensazione, non pu˛ essere censurata in cassazione, neppure sotto il profilo della mancanza di motivazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.