Cassazione civile Sez. II ordinanza n. 9 del 3 gennaio 2019

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel procedimento camerale ex art. 336 c.c., il curatore speciale del minore che rivesta anche la qualifica di avvocato pu˛ stare in giudizio senza il ministero di altro difensore ai sensi dell'art. 86 c.p.c., potendo cumulare le due qualifiche - che restano, comunque, distinte - e non avendo necessitÓ del formale conferimento a se stesso della procura alle liti. Ne consegue che il compenso per l'attivitÓ difensiva svolta non pu˛ essergli negato a causa del mancato deposito della procura, nÚ per il fatto che non siano state osservate le formalitÓ di costituzione di cui agli artt. 165 e 166 c.p.c., essendo il procedimento sottoposto alle forme semplificate del rito camerale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.