Consiglio di Stato Sez. III sentenza n. 2979 del 31 maggio 2013

(2 massime)

(massima n. 1)

Nel campo del personale del comparto della sanitÓ - in deroga al generale principio dell'irrilevanza ai fini giuridici ed economici dello svolgimento delle mansioni superiori nel settore del pubblico impiego - deve ammettersi la retribuibilitÓ delle mansioni superiori stesse, ai sensi dell'art. 29, comma 2, del D.P.R. 761/1979, in presenza di tre contestuali condizioni: a) esistenza in organico di un posto vacante cui ricondurre le mansioni di pi¨ elevato livello; b) previa adozione di un atto deliberativo di assegnazione delle mansioni superiori da parte dell'organo a ci˛ competente (potendosene prescindere solo nel caso di sostituzione nell'esercizio delle funzioni primariali); c) espletamento delle suddette mansioni per un periodo eccedente i sessanta giorni nell'anno solare.

(massima n. 2)

Ai fini della retribuibilitÓ delle mansioni superiori svolte dal personale del comparto della sanitÓ, Ŕ necessario che l'atto di conferimento delle mansioni superiori provenga dall'organo competente ad emanare i provvedimenti in materia di stato giuridico e trattamento economico del personale, risultando insufficienti eventuali ordini di servizio di un superiore gerarchico; e che debba essere "previo", mentre non hanno effetto eventuali riconoscimenti "a posteriori", trattandosi di meri atti ricognitivi di una situazione fattuale che non rivestono la natura provvedimentale idonea ad introdurre ex ante la diversa posizione di status, con ogni effetto sugli obblighi di conforme prestazione a carico del dipendente e di controllo da parte dell'Amministrazýone del corretto adempimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.