Consiglio di Stato Sez. V sentenza n. 4278 del 8 settembre 2008

(1 massima)

(massima n. 1)

Anche se l'art. 234 T.U. 18 agosto 2000 n. 267 non precisa le modalitÓ attraverso le quali vanno scelti i revisori dei conti degli enti locali, limitandosi a stabilire i requisiti soggettivi di cui debbono essere in possesso, qualora il Comune abbia colmato tale lacuna prevedendo, nel regolamento di contabilitÓ dell'ente, una specifica procedura consistente nella pubblicazione di apposito avviso su almeno due quotidiani di diffusione regionale, la comunicazione agli ordini professionali interessati, la presentazione nel termine stabilito di apposita istanza da parte degli interessati con la relativa documentazione, l'istruttoria delle istanze entro un certo termine da parte del competente ufficio, e si sia attenuto a tale procedura provvedendo all'apposito avviso e stabilendo il termine entro il quale le domande dovevano essere presentate, non pu˛ poi prescindere dall'esito della procedura nominando soggetti che non avevano presentato domanda nei termini o perfino che l'avevano omessa. La discrezionalitÓ di cui gode il Consiglio comunale Ŕ limitata dalla facoltÓ di scegliere tra coloro che hanno i prescritti requisiti e che hanno presentato la relativa domanda.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.