Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 4369 del 16 maggio 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

La stipulazione di una clausola risolutiva espressa non significa che il contratto possa essere risolto solo nei casi espressamente previsti dalle parti, rimanendo fermo il principio per cui ogni inadempimento di non scarsa rilevanza pu˛ giustificare la risoluzione del contratto, con l'unica differenza che, per i casi giÓ previsti dalle parti nella clausola risolutiva espressa, la gravitÓ dell'inadempimento non deve essere valutata dal giudice.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.