Consiglio di Stato Sez. IV sentenza n. 4145 del 16 luglio 2012

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel procedimento di rilascio della concessione edilizia, il Comune ha la potestÓ di verificare l'esistenza, in capo all'istante, del requisito di legittimazione soggettiva al rilascio del provvedimento, mercÚ un'adeguata istruttoria rivolta non giÓ a risolvere gli eventuali conflitti d'interesse tra le parti private in ordine all'assetto del proprietario dell'immobile oggetto di intervento, bensý ad acquisire elementi sufficienti a dimostrare la sussistenza di un qualificato collegamento soggettivo tra l'istante stesso ed il bene immobile, in quanto la notevole incidenza della concessione edilizia sugli interessi pubblici e privati coinvolti impone di valutare con precisione la corrispondenza tra la domanda ed i presupposti di legittimazione che la giustificano. Detta attivitÓ istruttoria, Ŕ quindi rivolta non giÓ a risolvere i conflitti tra le parti private in ordine all'assetto dominicale dell'area stessa, bensý ad accertare lo statuto proprietario anche per evitare il grave contenzioso che deriverebbe dall'incauto rilascio di quest'ultima a soggetti non idoneamente legittimati. Ma tale onere non pu˛ risolversi nel dare preminenza a pattuizioni intervenute tra soggetti terzi e non opponibili al richiedente traendo dalle stesse argomenti per denegare a quest'ultimo il rilascio del titolo ampliativo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.