Cassazione civile Sez. II sentenza n. 7829 del 19 maggio 2003

(2 massime)

(massima n. 1)

In tema di risoluzione del contratto per inadempimento, qualora la parte adempiente abbia proposto domanda di risoluzione e di risarcimento dei danni da inadempimento, non limitandosi a chiedere la condanna generica, il danno pu˛ essere liquidato esclusivamente se la parte che si assume danneggiata fornisca la prova della sua effettiva esistenza.

(massima n. 2)

Nei contratti a prestazioni corrispettive (nella specie, preliminare di compravendita di immobile), la retroattivitÓ della pronuncia costitutiva di risoluzione stabilita dall'art. 1458 c.c., in ragione del venir meno della causa giustificatrice delle prestazioni giÓ eseguite, comporta l'insorgenza, a carico di ciascun contraente, dell'obbligo di restituire la prestazione ricevuta, indipendentemente dall'imputabilitÓ dell'inadempimento; tuttavia, in assenza di una espressa domanda della parte, il giudice non pu˛ emanare i provvedimenti restitutori conseguenti alla risoluzione del contratto e siffatta domanda non pu˛ essere proposta per la prima volta in appello a pena di inammissibilitÓ rilevabile anche di ufficio (art. 345, c.p.c.), trattandosi di domanda nuova rispetto a quella di risoluzione del contratto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.