Cassazione penale Sez. V sentenza n. 27160 del 13 giugno 2018

(1 massima)

(massima n. 1)

Non integra il reato di interferenze illecite nella vita privata (art. 615-bis cod. pen.) la condotta di colui che, mediante l'uso di strumenti di ripresa visiva, in un'abitazione in cui sia lecitamente presente, filma scene di vita privata, in quanto l'interferenza illecita normativamente prevista č quella realizzata dal terzo estraneo al domicilio che ne violi l'intimitā, mentre il disvalore penale non č ricollegato alla mera assenza del consenso da parte di chi viene ripreso.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.