Consiglio di Stato Sez. III sentenza n. 1920 del 16 aprile 2014

(1 massima)

(massima n. 1)

Il decorso dello spatium deliberandi di 90 giorni previsto dall'art. 6 del D.P.R. n. 1199 del 1971 per l'adozione e la comunicazione della decisione del ricorso gerarchico non genera un atto di contenuto negativo, presunto ex lege, ma costituisce un limite di legge oltre il quale, al dichiarato fine acceleratorio dei procedimenti, l'interessato non Ŕ tenuto ad attendere l'esito del ricorso amministrativo da lui stesso promosso e pu˛ senz'altro adire il giudice per tutelarsi in sede di legittimitÓ contro l'atto amministrativo reputato lesivo (Riforma della sentenza del T.a.r. Marche - Ancona, sez. I, n. 1755/ 2007).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.