Consiglio di Stato Sez. Ad. Plen. sentenza n. 5 del 27 aprile 2015

(4 massime)

(massima n. 1)

Nel giudizio impugnatorio di legittimitÓ in primo grado, non vale a graduare i motivi di ricorso o le domande di annullamento il mero ordine di prospettazione degli stessi. In mancanza di rituale graduazione dei motivi e delle domande di annullamento, il giudice amministrativo, in base al principio dispositivo e di corrispondenza fra chiesto e pronunciato, Ŕ obbligato a esaminarli tutti, salvo che non ricorrano i presupposti per disporne l'assorbimento nei casi ascrivibiii alle tre tipologie dell'assorbimento per legge, dell'assorbimento per pregiudizialitÓ necessaria e di quello per ragioni di economia processuale. (Restituisce gli atti alla V Sezione del Consiglio di Stato per ogni ulteriore statuizione sull'appello avverso Tar Veneto, sez. I, 21 giugno 2013, n. 879). Nel giudizio amministrativo impugnatorio di legittimitÓ in primo grado, la parte pu˛ graduare, esplicitamente e in modo vincolante per il giudice, i motivi e le domande di annullamento, ad eccezione dei casi in cui, ex art. 34, comma 2, c.p.a., il vizio si traduca nel mancato esercizio di poteri da parte dell'autoritÓ per "legge competente". In mancanza di rituale graduazione dei motivi e delle domande di annullamento, il giudice amministrativo, in base al principio dispositivo e di corrispondenza fra chiesto e pronunciato, Ŕ obbligato a esaminarli tutti, salvo che non ricorrano i presupposti per disporne l'assorbimento nei casi ascrivibili alle tre tipologie dell'assorbimento per legge, per pregiudizialitÓ necessaria e per ragioni di economia.

(massima n. 2)

Nel giudizio impugnatorio di legittimitÓ in primo grado, l'unicitÓ o pluralitÓ di domande proposte dalle parti, mediante ricorso principale motivi aggiunti o ricorso incidentale, si determina esclusivamente in funzione della richiesta di annullamento di uno o pi¨ provvedimenti autonomamente lesivi; in tale giudizio, la parte pu˛ graduare, esplicitamente e in modo vincolante per il giudice, i motivi e le domande di annullamento, ad eccezione dei casi in cui, ex art. 34, comma 2, c.p.a., il vizio si traduca nel mancato esercizio di poteri da parte dell'autoritÓ per legge competente.

(massima n. 3)

Nel giudizio impugnatorio di legittimitÓ in primo grado, non vale a graduare i motivi di ricorso o le domande di annullamento il mero ordine di prospettazione degli stessi; nello stesso giudizio, in mancanza di rituale graduazione dei motivi e delle domande di annullamento, il giudice amministrativo, in base al principio dispositivo e di corrispondenza fra chiesto e pronunciato, Ŕ obbligato ad esaminarli tutti, salvo che non ricorrano i presupposti per disporne l'assorbimento nei casi ascrivibili alle tre tipologie precisate in motivazione (assorbimento per legge, per pregiudizialitÓ necessaria e per ragioni di economia).

(massima n. 4)

Nel processo amministrativo di primo grado, quando sia proposta l'azione di annullamento, l'unicitÓ o pluralitÓ di domande si determina esclusivamente in funzione della richiesta di annullamento di uno o pi¨ provvedimenti.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.