Cassazione civile Sez. II sentenza n. 6630 del 6 dicembre 1988

(1 massima)

(massima n. 1)

L'offerta di modificare un contratto rescindibile in modo da ricondurlo ad equitÓ (art. 1450 c.c.) costituisce una dichiarazione di volontÓ negoziale che pu˛ essere formulata anche con domanda giudiziale, purchÚ riconducibile alla parte mediante sottoscrizione dell'atto contenente la relativa dichiarazione o con la sottoscrizione della procura speciale ad litem al difensore, apposta a margine o in calce dell'atto medesimo. (Fattispecie in cui il giudice del merito aveva ritenuto inefficace l'offerta contenuta nell'atto di riassunzione del processo, sottoscritto dal procuratore in base a procura rilasciata a margine. La S.C., nel cassare la sentenza impugnata, ha enunciato il principio di cui in massima).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.