Cassazione civile Sez. Unite sentenza n. 17188 del 28 giugno 2018

(1 massima)

(massima n. 1)

La verifica della ricorrenza dei requisiti propri della societÓ "in house", i quali costituiscono il presupposto della giurisdizione della Corte dei conti sull'azione di responsabilitÓ esercitata nei confronti degli organi sociali per i danni da essi cagionati al patrimonio della societÓ, deve compiersi con riguardo alle norme ed alle previsioni statutarie vigenti alla data del fatto illecito; pertanto, la direttiva 2014/24/UE, che ha modificato sensibilmente i suddetti requisiti, non pu˛ essere applicata, al fine di affermare la giurisdizione contabile, nei casi in cui i fatti generatori del presunto danno erariale si siano svolti, non solo prima della sua pubblicazione sulla G.U. dell'unione europea (24 marzo 2014), ma anche prima del suo recepimento in Italia, trattandosi di direttiva non immediatamente esecutiva, ma da attuarsi entro il termine di recepimento dalla stessa previsto (18 aprile 2016), rispettato dallo Stato italiano con l'adozione del d.lgs. n. 50 del 2016.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.