Consiglio di Stato Sez. I sentenza n. 2583 del 8 novembre 2018

(3 massime)

(massima n. 1)

Non contrasta con il riparto delle competenze tra Stato e Regioni la legge della Regione Piemonte che prevede lo svolgimento di un servizio di interesse generale, ricadente nell'esercizio delle funzioni tipiche dell'ente regionale (inerenti all'attivitÓ di promozione, accoglienza e informazione turistica in Piemonte), mediante una societÓ in house partecipata pure da capitale privato, anche se l'attivitÓ stessa attiene anche alle materie della tutela della concorrenza e dell'ordinamento civile, rientranti nell'ambito della competenza legislativa riservata allo Stato (art. 117, 1░ comma, lett. e) e I), cost.). Anche se la normativa comunitaria e quella nazionale non fissano una soglia per i soci privati di minoranza, va considerata con particolare attenzione, per le sue implicazioni, la scelta di consentire al capitale privato di una societÓ in house di raggiungere il terzo del capitale previsto dallo statuto, valutando l'opportunitÓ di non raggiungere l'anzidetto limite, pur non essendo ci˛ espressamente vietato.

(massima n. 2)

Non contrasta con il riparto delle competenze tra Stato e Regioni la legge della Regione Piemonte che prevede lo svolgimento di un servizio di interesse generale, ricadente nell'esercizio delle funzioni tipiche dell'ente regionale (inerenti all'attivitÓ di promozione, accoglienza e informazione turistica in Piemonte), mediante una societÓ in house partecipata pure da capitale privato, anche se l'attivitÓ stessa attiene anche alle materie della tutela della concorrenza e dell'ordinamento civile, rientranti nell'ambito della competenza legislativa riservata allo Stato (art. 117, 1░ comma, lett. e) e I), cost.). Anche se la normativa comunitaria e quella nazionale non fissano una soglia per i soci privati di minoranza, va considerata con particolare attenzione, per le sue implicazioni, la scelta di consentire al capitale privato di una societÓ in house di raggiungere il terzo del capitale previsto dallo statuto, valutando l'opportunitÓ di non raggiungere l'anzidetto limite, pur non essendo ci˛ espressamente vietato. La locuzione "prescritta" utilizzata all'art. 16, D.Lgs. n. 175/2016 non deve essere intesa in senso precettivo (come "obbligo" imposto dalla legge) ma pu˛ intendersi nel senso che la presenza di privati in una societÓ in house (quale DMO) sia ammissibile alle condizioni previste dalla normativa regionale e statutaria, evitando che il privato possa vantare forme di controllo, poteri di veto o un'influenza dominante sulla societÓ e fermi restando gli altri requisiti, presupposti e condizioni utili per configurare una societÓ in house. Il requisito dell'attivitÓ prevalente sussiste in capo all'organismo in house a condizione che oltre 1'80 per cento del fatturato della persona giuridica controllata sia effettuato nello svolgimento dei compiti ad essa affidati dall'amministrazione aggiudicatrice - controllante mentre la produzione ulteriore al suddetto limite che pu˛ essere rivolta anche a finalitÓ diverse, Ŕ consentita solo se la stessa permetta di conseguire economie di scala o altri recuperi di efficienza sul complesso dell'attivitÓ principale.

(massima n. 3)

Non contrasta con il riparto delle competenze tra Stato e Regioni la legge della Regione Piemonte che prevede lo svolgimento di un servizio di interesse generale, ricadente nell'esercizio delle funzioni tipiche dell'ente regionale (inerenti all'attivitÓ di promozione, accoglienza e informazione turistica in Piemonte), mediante una societÓ in house partecipata pure da capitale privato, anche se l'attivitÓ stessa attiene anche alle materie della tutela della concorrenza e dell'ordinamento civile, rientranti nell'ambito della competenza legislativa riservata allo Stato (art. 117, 1░ comma, lett. e) e I), cost.). Anche se la normativa comunitaria e quella nazionale non fissano una soglia per i soci privati di minoranza, va considerata con particolare attenzione, per le sue implicazioni, la scelta di consentire al capitale privato di una societÓ in house di raggiungere il terzo del capitale previsto dallo statuto, valutando l'opportunitÓ di non raggiungere l'anzidetto limite, pur non essendo ci˛ espressamente vietato. La locuzione "prescritta" utilizzata all'art. 16, D.Lgs. n. 175/2016 non deve essere intesa in senso precettivo (come "obbligo" imposto dalla legge) ma pu˛ intendersi nei senso che la presenza di privati in una societÓ in house (quale DMO) sia ammissibile alle condizioni previste dalla normativa regionale e statutaria, evitando che il privato possa vantare forme di controllo, poteri di veto o un'influenza dominante sulla societÓ e fermi restando gli altri requisiti, presupposti e condizioni utili per configurare una societÓ in house. Il requisito dell'attivitÓ prevalente sussiste in capo all'organismo in house a condizione che oltre l'80 per cento del fatturato della persona giuridica controllata sia effettuato nello svolgimento dei compiti ad essa affidati dall'amministrazione aggiudicatrice - controllante mentre la produzione ulteriore al suddetto limite che pu˛ essere rivolta anche a finalitÓ diverse, Ŕ consentita solo se la stessa permetta di conseguire economie di scala o altri recuperi di efficienza sul complesso dell'attivitÓ principale della societÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.