Cassazione civile Sez. III sentenza n. 3364 del 12 febbraio 2010

(2 massime)

(massima n. 1)

Nei contratti formali, per i quali č richiesta la forma scritta "ad substantiam", il principio dell'apparenza del diritto non puō trovare applicazione rispetto alla rappresentanza, atteso che per i suddetti contratti sussiste un onere legale di documentazione della procura, dalla cui mancanza si deve dedurre l'esistenza di una colpa inescusabile dell'altro contraente.

(massima n. 2)

Nei contratti per i quali č richiesta la forma scritta "ad substantiam", particolare rigore č richiesto anche per la spendita del nome del rappresentato, con la conseguenza che, in mancanza di formule che consentano di individuare la spendita del nome altrui, non č ammissibile una "contemplatio domini" tacita, desunta da elementi presuntivi.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.