Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 2052 del 28 marzo 1984

(2 massime)

(massima n. 1)

In ipotesi di clausola contrattuale affetta da errore (di diritto) la mera conoscenza della stessa da parte dei contraenti non comporta di per sÚ la riconoscibilitÓ di quell'errore. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza con la quale i giudici del merito, pur avendo esattamente affermato l'essenzialitÓ di un errore di diritto in forza del quale si era data attuazione ad una clausola negoziale affetta da nullitÓ, avevano poi omesso di indagare adeguatamente sulla riconoscibilitÓ dell'errore stesso).

(massima n. 2)

L'art. 1429 n. 4 c.c. nello stabilire, per il giudizio di essenzialitÓ dell'errore di diritto, che lo stesso costituisca ragione unica o principale del negozio, attribuisce in tal modo efficacia anche ai motivi soggettivi, che possono conseguentemente reagire sulla validitÓ del negozio, anche se la causa di questo non viene meno per effetto dell'errore. (Nella specie, sancendo tale principio, la S.C. ha confermato la sentenza con la quale i giudici del merito avevano ritenuto l'essenzialitÓ di un errore di diritto consistito nell'avere dato esecuzione ad una clausola di un bando di concorso che, prevedendo come titolo preferenziale per l'assunzione la residenza nello stesso luogo di lavoro, era perci˛ affetto da nullitÓ per contrasto con norme imperative).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.