Cassazione penale Sez. III sentenza n. 16843 del 3 maggio 2007

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di reato sessuale commesso in danno di persona infraquattordicenne, punito dal primo comma dell'art. 609 quater c.p., va escluso che il mero dato anagrafico comporti la sussistenza della condizione di inferioritÓ fisica o psichica della persona offesa prevista dal comma secondo dell'art. 609 bis c.p., cosý che, una volta escluse condotte comportanti violenza, minaccia o abuso di autoritÓ, non pu˛ trovare applicazione anche la seconda fattispecie criminosa, che Ŕ alternativa e incompatibile con la prima.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.