Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 9952 del 4 marzo 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di tentativo di rapina impropria, le minacce rivolte nei confronti di pił persone, che siano state presenti o siano intervenute immediatamente dopo il fatto, anche diverse da quella che ha subito la tentata sottrazione, se proferite nell'ambito del medesimo ed unico contesto illecito, senza un'apprezzabile soluzione di continuitą ed all'unico fine di garantirsi l'impunitą, non integrano una pluralitą di condotte illecite, ma costituiscono un'unica azione criminosa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.