Cassazione penale Sez. V sentenza n. 14106 del 10 dicembre 1999

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di reato ex art. 628, secondo comma, c.p., il valore della res sottratta deve essere apprezzato per come la stessa si č presentata al momento di commissione del fatto. Ne consegue che, la sottrazione di una banconota, per quanto contraffatta, integra il reato in parola, in quanto la stessa banconota si prestava ad essere spesa e quindi convertita nel corrispondente valore del bene acquistabile o in qualunque utilitā economicamente apprezzabile.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.