Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 1316 del 4 febbraio 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

Nella previsione dell'art. 323 c.p., come novellato dalla legge 16 luglio 1997, n. 234, l'interesse proprio Ś in presenza del quale il pubblico ufficiale ha l'obbligo di astensione, che giÓ non derivi da specifica disposizione Ś non solo non deve essere inteso come il vantaggio di natura patrimoniale, la cui realizzazione perfeziona il delitto di abuso d'ufficio, ma non Ŕ neppure sinonimo di lucro o di utilitÓ, per cui comprende ogni interesse personale, anche non economico e del tutto affettivo, quale la finalitÓ di favorire altri quando da ci˛ derivi per l'agente una situazione di vantaggio nella sfera personale delle sue relazioni sociali ed amicali.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.