Cassazione penale Sez. I sentenza n. 11187 del 9 novembre 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

Per la configurabilitā del reato previsto dall'art. 650 c.p., vertendosi in ipotesi contravvenzionale, non č necessario che la condotta omissiva sia motivata da una specifica volontā di sottrarsi ai dovuti adempimenti, essendo al contrario, sufficiente a tanto anche un atteggiamento negativo dovuto a colpa. (Nella specie si č ritenuto che la condotta dell'intimato, in presenza di un'ordinanza sindacale emessa per ragioni di igiene e concernente lo smaltimento delle acque nere, non potesse essere scriminata dalla non ancora intervenuta risoluzione di controversia civile intesa ad ottenere costituzione di servitų sul fondo del vicino, dovendosi considerare tutte le possibilitā che si offrivano al soggetto stesso per adempiere gli obblighi nascenti dal provvedimento dell'autoritā, come, ad esempio, la costruzione di un pozzo di dispersione o la desistenza dalla produzione di acque nere).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.