Cassazione penale Sez. V sentenza n. 2516 del 8 marzo 1982

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel delitto di falso in scrittura privata il vantaggio o il danno perseguito dall'agente, che costituisce l'oggetto del dolo specifico, pu˛ essere di qualsiasi natura e pu˛ consistere in qualsiasi utilitÓ patrimoniale o non patrimoniale, legittima o illegittima, sicchÚ il delitto sussiste anche quando si sarebbe potuto ottenere lo stesso risultato mediante l'uso di una scrittura genuina.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.