Cassazione civile Sez. I sentenza n. 24294 del 29 novembre 2016

(1 massima)

(massima n. 1)

Nell'ipotesi in cui la parte convenuta in un giudizio di risarcimento dei danni, nel dedurre il difetto della propria legittimazione passiva, chiami in causa un terzo, l'atto di chiamata, al di lā della formula adottata, va inteso come chiamata del terzo responsabile e non giā come chiamata in garanzia "impropria", in quanto, da un lato, tale condotta č logicamente e giuridicamente incompatibile con la qualificazione dell'evocazione del terzo come chiamata in garanzia (la quale, di per sé, non puō non presupporre la non contestazione della legittimazione passiva) e, dall'altro, va privilegiata l'effettiva volontā del chiamante in relazione alla finalitā, in concreto perseguita, di attribuire al terzo la responsabilitā del danno. In tal caso, si verifica l'estensione automatica della domanda dell'attore al terzo chiamato, indicato dal convenuto come il vero legittimato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 25 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.