Cassazione civile Sez. I sentenza n. 5102 del 13 marzo 2015

(2 massime)

(massima n. 1)

In tema di interpretazione dei contratti, la comune volontā dei contraenti deve essere ricostruita sulla base di due elementi principali, ovvero il senso letterale delle espressioni usate e la "ratio" del precetto contrattuale, e tra questi criteri interpretativi non esiste un preciso ordine di prioritā, essendo essi destinati ad integrarsi a vicenda. (Omissis).

(massima n. 2)

La questione della rilevanza dell'eventuale falsitā del documento, impugnato con la querela in via incidentale di cui all'art. 221 cod. proc. civ., č devoluta, ai fini della decisione di merito, al giudice della causa principale e non a quello della querela, il cui unico compito consiste nell'affermare o negare la falsitā dell'atto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.