Cassazione civile Sez. I sentenza n. 19603 del 26 settembre 2011

(2 massime)

(massima n. 1)

A norma del primo comma dell'art. 276 c.c., legittimato passivo nel giudizio per l'accertamento della paternitÓ naturale Ŕ il presunto genitore, ovvero, in caso di mancanza di questo, i suoi eredi. Da ci˛ consegue che la posizione di altri soggetti, portatori di interessi, patrimoniali e non patrimoniali, contrari all'accertamento della filiazione, quali il coniuge ed i figli legittimi del presunto genitore, resta regolata dal secondo comma del richiamato art. 276 c.c., che attribuisce loro la legittimazione a contraddire alla domanda intervenendo nel processo, ma non anche quella ad essere citati in giudizio come contraddittori necessari, senza che ci˛ comporti contrasto con i precetti di cui agli artt. 3, 29 e 30 Cost..

(massima n. 2)

A norma del primo comma dell'art. 276 c.c., legittimato passivo nel giudizio per l'accertamento della paternitÓ naturale Ŕ il presunto genitore, ovvero, in caso di mancanza di questo, i suoi eredi. Da ci˛ consegue che la posizione di altri soggetti, portatori di interessi, patrimoniali e non patrimoniali, contrari all'accertamento della filiazione, quali il coniuge ed i figli legittimi del presunto genitore, resta regolata dal secondo comma del richiamato art. 276 c.c., che attribuisce loro la legittimazione a contraddire alla domanda intervenendo nel processo, ma non anche quella ad essere citati in giudizio come contraddittori necessari, senza che ci˛ comporti contrasto con i precetti di cui agli artt. 3, 29 e 30 Cost..

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.