Cassazione civile Sez. II sentenza n. 12296 del 7 giugno 2011

(2 massime)

(massima n. 1)

In presenza di contrapposte domande di esecuzione in forma specifica di un contratto preliminare e di risoluzione del medesimo per inadempimento, il giudice deve procedere a una valutazione comparativa ed unitaria degli inadempimenti che le parti si sono addebitati al fine di stabilire se sussista l'inadempimento che legittima la risoluzione. La valutazione della gravitā dell'inadempimento, prendendo le mosse dall'esame dei fatti e delle prove inerenti al processo, č rimessa al giudice del merito ed č incensurabile in cassazione se la relativa motivazione risulti immune da vizi logici o giuridici.

(massima n. 2)

In presenza di contrapposte domande di esecuzione in forma specifica di un contratto preliminare e di risoluzione del medesimo per inadempimento, il giudice deve procedere a una valutazione comparativa ed unitaria degli inadempimenti che le parti si sono addebitati al fine di stabilire se sussista l'inadempimento che legittima la risoluzione. La valutazione della gravitā dell'inadempimento, prendendo le mosse dall'esame dei fatti e delle prove inerenti al processo, č rimessa al giudice del merito ed č incensurabile in cassazione se la relativa motivazione risulti immune da vizi logici o giuridici.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 25 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.