Cassazione civile Sez. II sentenza n. 4391 del 23 febbraio 2009

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel caso in cui ad una sentenza integralmente e ritualmente formata e depositata in cancelleria risulti, per un mero disguido materiale, affogliata di seguito alla sua ultima pagina la copia del dispositivo riferibile ad una diversa causa, in calce alla quale sia stata apposta l'attestazione della data del deposito, il vizio in cui la pronuncia pu˛ incorrere Ŕ dato dalla coesistenza di due dispositivi; ne consegue che, qualora, per la diversitÓ dei nomi delle parti e dell'oggetto della controversia nell'ulteriore dispositivo riportati, emerga che quest'ultimo dispositivo non atteneva alla causa cui era riferibile la sentenza, tele vizio non pu˛ assurgere a nullitÓ di carattere sostanziale ed Ŕ emendabile con la procedura di correzione di cui agli artt. 287 e 288 c.p.c..

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.