Cassazione civile Sez. II sentenza n. 5860 del 16 marzo 2006

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di inadempimento delle obbligazioni pecuniarie, nel caso in cui il creditore Ś del quale non sia controversa la qualitÓ di imprenditore commerciale Ś deduca di aver subito dal ritardo del debitore nell'adempimento un pregiudizio conseguente al diminuito potere di acquisto della moneta, non Ŕ necessario, ai fini del riconoscimento del maggior danno ragguagliato alla svalutazione monetaria, che egli fornisca la prova di un danno concreto causalmente ricollegabile all'indisponibilitÓ del credito per effetto dell'inadempimento, dovendosi presumere, in base all'id quod plerumque accidit che, se vi fosse stato tempestivo adempimento, la somma dovuta sarebbe stata utilizzata in impieghi antinflattivi per il finanziamento dell'attivitÓ imprenditoriale e, quindi, sottratta agli effetti della svalutazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.