Cassazione civile Sez. I sentenza n. 1041 del 19 gennaio 2006

(1 massima)

(massima n. 1)

Il giudice di appello pu˛ liquidare la svalutazione monetaria successiva alla sentenza di primo grado per il risarcimento del danno da fatto illecito, perchÚ, salva espressa volontÓ contraria, tale svalutazione pu˛ ricomprendersi nel petitum originario. (Nella fattispecie, la S.C., cassando la sentenza di appello Ś che non aveva applicato tale principio Ś e decidendo nel merito, ha riconosciuto al ricorrente, sull'importo giÓ liquidatogli a titolo di risarcimento del danno da occupazione espropriativa, la rivalutazione monetaria maturata successivamente alla sentenza di primo grado e sino alla data dell'effettivo pagamento).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.