Cassazione civile Sez. I sentenza n. 1313 del 7 febbraio 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

Ove la notificazione dell'atto venga effettuata nell'abitazione del destinatario, mediante consegna di copia a persona qualificatasi moglie di quest'ultimo, e non venga specificamente contestata né l'esistenza del vincolo coniugale con persona avente quel cognome né la veridicitā della dichiarazione al riguardo resa dalla consegnataria all'ufficiale giudiziario, l'erronea indicazione nella relazione di cui all'art. 148 c.p.c. di un prenome non corrispondente a quello anagrafico della consegnataria non incide sulla validitā della notifica; essendo infatti identificabile la persona della consegnataria attraverso l'indicazione del vincolo coniugale e del cognome della stessa, č da escludersi alcuna incertezza circa la persona di famiglia ricevente la copia.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.