Cassazione civile Sez. II sentenza n. 20561 del 29 luglio 2008

(1 massima)

(massima n. 1)

Il diritto di prelazione ereditaria, previsto dall'art. 732 cod. civ., non pu˛ essere esercitato dai coeredi quando la vendita effettuata da uno o pi¨ dei coeredi stessi non riguardi una o pi¨ quote ereditarie, ma abbia ad oggetto quote di un bene determinato, in parte assoggettato alla comunione ereditaria ed in parte costituente un'autonoma comunione ordinaria, in quanto in questa particolare ipotesi non si verifica il subingresso di un estraneo nella comunione ereditaria, che l'art. 732 cod. civ tende ad impedire, ma solo il trasferimento di una "res" come bene a sÚ stante.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.