Cassazione civile Sez. III sentenza n. 3432 del 8 luglio 1978

(1 massima)

(massima n. 1)

L'impignorabilitÓ, sia di mobili che di crediti, Ŕ stabilita non giÓ per ragioni di interesse pubblico, e perci˛ con norme imperative, bensý nell'esclusivo interesse del debitore, qualificato dalla legge come prevalente rispetto all'interesse del creditore alla espropriazione del bene mobile o del credito, al fine del soddisfacimento del suo credito. Pertanto, non trattandosi di norme imperative, il giudice non pu˛ rilevare d'ufficio l'impignorabilitÓ del bene, con la conseguente dichiarazione della nullitÓ del pignoramento degli atti successivi, ma spetta al debitore esecutato dedurre l'impignorabilitÓ con l'opposizione all'esecuzione di cui al secondo comma dell'art. 615 c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.