Cassazione civile Sez. II sentenza n. 19261 del 19 luglio 2018

(1 massima)

(massima n. 1)

Nell'ambito del procedimento di liberazione coattiva del debitore, l'accettazione, anche tacita, del deposito, secondo l'espressa previsione dell'art. 1210 c.c., ha effetto liberatorio, con efficacia retroattiva (alla data del deposito stesso) e determina l'estinzione dell'obbligazione, con effetto assimilabile a quello della "datio in solutum". Da ci˛ consegue che, una volta intervenuto il ritiro da parte del creditore della somma depositata, senza sollevare riserve, non vi Ŕ luogo ad alcuna valutazione sulla congruitÓ della prestazione depositata ed accettata, la stessa non pu˛ pi¨ essere messa in discussione sotto il profilo dell'esattezza dell'adempimento ed il debitore non potrÓ richiedere indietro la somma depositata.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.