Cassazione civile Sez. V sentenza n. 5738 del 11 aprile 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

La responsabilitÓ del coerede che non abbia pagato l'imposta di successione nel termine stabilito, produttiva della sanzione prevista dall'art. 52 del D.L.vo n. 346 del 1990, applicabile ratione temporis, non pu˛ essere esclusa dal fatto che il termine per il pagamento, computabile solo dal momento in cui diviene definitivo l'accertamento tributario, per un altro dei coeredi sia spirato in un momento pi¨ lontano tale che, rispetto a questo, il pagamento del primo non risultasse tardivo. Ci˛ in quanto, una tale eccezione ha carattere personale e, a norma dell'art. 1297 c.c., non pu˛ essere opposta dagli altri debitori solidali.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.