Cassazione penale Sez. V sentenza n. 23021 del 11 maggio 2017

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di indagini preliminari, pu˛ essere nominato ausiliario di polizia giudiziaria per lo svolgimento della funzione di interprete colui che sia stato giÓ sentito come persona informata sui fatti, non essendo prevista dal codice di procedura penale alcuna forma di incompatibilitÓ. (Fattispecie nella quale veniva presentata congiuntamente denuncia da parte di due coniugi, uno dei quali era nominato interprete per l'escussione a sommarie informazioni dell'altro).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.