Cassazione civile Sez. VI-3 ordinanza n. 12025 del 16 maggio 2017

(1 massima)

(massima n. 1)

Il soggetto che interviene in un giudizio tra altre parti, facendo propria la posizione di uno dei contendenti ed assumendo posizione attiva di contrasto verso l'altro, resta soggetto al principio della soccombenza, ai fini della regolamentazione delle spese, prescindendo da ogni questione sulla legittimazione o sull'interesse ad intervenire, che, peraltro, se ritenuto dal giudice del merito, con accertamento insindacabile in sede di legittimitÓ, comune ad altre parti, pu˛ determinarne la condanna alle spese in solido, anzichÚ, secondo la regola di cui allĺart. 97, comma 1, c.p.c., in proporzione all'interesse di ciascuna.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.