Cassazione civile Sez. II sentenza n. 10 del 4 gennaio 1993

(2 massime)

(massima n. 1)

L'incertezza circa l'entitÓ del vantaggio e, correlativamente, della perdita di ciascun contraente all'atto della stipulazione del contratto, nella quale si concretizza l'alea, cioŔ il rischio del contratto aleatorio, deve essere obiettiva e dipendere dal verificarsi o meno di un evento futuro dedotto quale fonte dell'alea. Pertanto, un contratto tipicamente commutativo, quale la compravendita, non pu˛ qualificarsi aleatorio per volontÓ delle parti, per il solo fatto della mancata determinazione e precisazione del prezzo al momento della conclusione, che per˛ sia pienamente determinabile in base agli elementi di riferimento indicati nel contratto medesimo.

(massima n. 2)

Nei contratti aleatori per volontÓ delle parti, l'alea Ŕ estranea allo schema legale ed Ŕ introdotta con una specifica pattuizione. Ne consegue che, a fronte della domanda di rescissione per lesione di un contratto di tipo commutativo, quale la compravendita, la pattuizione relativa all'introduzione dell'alea nel negozio si pone come oggetto di un'eccezione in senso proprio, e non pu˛ essere rilevata d'ufficio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.