Cassazione penale Sez. II sentenza n. 33074 del 28 luglio 2016

(1 massima)

(massima n. 1)

Non integra il delitto di autoriciclaggio il versamento del profitto di furto su conto corrente o su carta di credito prepagata, intestati allo stesso autore del reato presupposto. (In motivazione, la Corte ha osservato che tale deposito non pu˛ considerarsi, secondo le indicazioni rispettivamente fornite dall'art. 2082 cod. civ. e dall'art. 106 del Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, come attivitÓ "economica" o "finanziaria", e non costituisce comunque, a mente dell'art. 648-ter1 cod. pen., attivitÓ idonea ad occultare la provenienza delittuosa del denaro oggetto di profitto).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.