Cassazione civile Sez. III sentenza n. 4633 del 24 maggio 1997

(2 massime)

(massima n. 1)

L'ampiezza dell'obbligo di sorveglianza dei soggetti incapaci di intendere o volere (art. 2047 c.c.) Ŕ da rapportare alle circostanze di tempo, luogo, ambiente, pericolo, che, considerando altresý la natura e il grado di incapacitÓ del soggetto sorvegliato, possono consentire o facilitare il compimento di atti lesivi da parte del medesimo.

(massima n. 2)

Soltanto se la condotta dell'incapace di intendere o volere, stante l'applicabilitÓ anche in tal caso dell'art. 1227, primo comma c.c., ha contribuito a cagionare il danno dal medesimo subito, il responsabile che deve risarcirlo pu˛ eccepire il concorso di colpa del soggetto obbligato alla sorveglianza di quegli (art. 2047 c.c.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.