Cassazione civile Sez. III sentenza n. 4899 del 14 marzo 2016

(1 massima)

(massima n. 1)

In materia di illecito civile, la prescrizione del diritto al risarcimento del danno decorre dal momento in cui il danneggiato ha avuto reale e concreta percezione dell'esistenza e gravitÓ del danno stesso, nonchÚ della sua addebitabilitÓ ad un determinato soggetto, ovvero dal momento in cui avrebbe potuto avere tale percezione usando l'ordinaria diligenza. (Principio applicato dalla S.C. con riferimento alla pretesa risarcitoria azionata dalla vittima di una violenza sessuale perpetrata a suo carico all'etÓ di nove anni, della quale, per˛, ella aveva acquisito consapevolezza solo quando, raggiunta l'etÓ adulta e maturati i primi approcci alla sessualitÓ, ebbe ad innestarsi il processo di slatentizzazione).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.