Cassazione civile Sez. I sentenza n. 23064 del 11 novembre 2016

(3 massime)

(massima n. 1)

La transazione puņ avere efficacia novativa quando risulti una situazione di oggettiva incompatibilitą tra il rapporto preesistente e quello originato nell'accordo transattivo, di guisa che dall'atto sorgano reciproche obbligazioni oggettivamente diverse da quelle preesistenti. Pertanto, al di fuori dell'ipotesi di un'espressa manifestazione di volontą delle parti in tal senso, il giudice di merito deve accertare se le parti, nel comporre l'originario rapporto litigioso, abbiano inteso o meno addivenire alla conclusione di un nuovo rapporto, costitutivo di autonome obbligazioni, ovvero se esse si siano limitate ad apportare modifiche alle obbligazioni preesistenti senza elidere il collegamento con il precedente contratto, il quale si pone come causa dell'accordo transattivo che, di regola, non č volto a trasformare il rapporto controverso.

(massima n. 2)

L'art. 1972 c.c. distingue tra la transazione relativa a contratto illecito e transazione relativa a contratto nullo, affermando la nullitą della prima, anche se le parti abbiano trattato di tale nullitą (comma 1), e l'annullabilitą, ad istanza della parte che abbia ignorato la causa di nullitą, della seconda (comma 2). Poiché, ai sensi dell'art. 1418, comma 2, c.c., l'illiceitą del contratto consegue solo all'illiceitą della causa o del motivo comune ad entrambi i contraenti, la dichiarazione di nullitą della transazione presuppone un'indagine volta a stabilire se l'assetto d'interessi complessivamente programmato dalle parti si ponga in contrasto con norme imperative, soltanto in tal caso operando il divieto di transigere anche se la nullitą abbia rappresentato la questione controversa, con il conseguente ripristino della situazione anteriore alla stipulazione del negozio transattivo; l'invaliditą di singole clausole contrattuali (a meno che esse non siano idonee ad evidenziare l'illiceitą della causa o del motivo comune) č, invece, destinata a tradursi nella nullitą dell'intero contratto solo ove se ne accerti l'essenzialitą rispetto all'assetto d'interessi programmato dalle parti e comporta unicamente l'annullabilitą della transazione.

(massima n. 3)

L'efficacia novativa della transazione presuppone una situazione di oggettiva incompatibilitą tra il rapporto preesistente e quello originato dall'accordo transattivo, in virtł della quale le obbligazioni reciprocamente assunte dalle parti devono ritenersi oggettivamente diverse da quelle preesistenti, con la conseguenza che, al di fuori dell'ipotesi in cui sussista un'espressa manifestazione di volontą delle parti in tal senso, il giudice di merito deve accertare se le parti, nel comporre l'originario rapporto litigioso, abbiano inteso o meno addivenire alla conclusione di un nuovo rapporto, costitutivo di autonome obbligazioni. (In applicazione di tale principio, la S.C., ha confermato la sentenza di merito, evidenziando, tra l'altro, che la circostanza che la transazione fosse avvenuta con atto pubblico era irrilevante, ai fini della sua qualificazione come novativa).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.