Cassazione penale Sez. I sentenza n. 38703 del 19 settembre 2013

(1 massima)

(massima n. 1)

Non costituisce motivo di nullitÓ del decreto di citazione a giudizio l'erronea indicazione della data del commesso reato, trattandosi di mera irregolaritÓ che non impedisce all'imputato di articolare in modo compiuto le proprie difese. (Fattispecie in cui la data di commissione del reato indicata nel 21 aprile invece del 22 marzo, che non aveva, per˛, impedito all'imputato di difendersi nel merito delle accuse).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.