Cassazione civile Sez. III sentenza n. 11616 del 26 ottobre 1992

(2 massime)

(massima n. 1)

Il danno per inabilitÓ permanente non coincide automaticamente con la proporzionale riduzione del reddito di lavoro percepito dal danneggiato ma deve essere in concreto accertato, anche per via presuntiva, sulla base della differenza tra i redditi che il danneggiato, in relazione alla sua qualifica ed attivitÓ, avrebbe potuto percepire e quelli a cui deve presumersi che rimarrÓ ancorato a causa della menomazione riportata, escludendosi ogni confusione tra questo danno, che Ŕ strettamente legato alla effettiva riduzione della capacitÓ di guadagno, con le altre forme di danno, quale quello biologico, nella cui valutazione assume preminente rilievo la gravitÓ della inabilitÓ.

(massima n. 2)

Nella liquidazione dei debiti di valore il giudice deve tenere conto dell'eventuale diminuito potere di acquisto della moneta disponendo la relativa rivalutazione fino alla data di pubblicazione della sentenza, che costituisce il momento in cui il credito dedotto in giudizio diviene liquido ed esigibile ed il cui correlativo debito si converte in debito di valuta, mentre non pu˛ tenere conto anche di eventi futuri ed ipotetici successivi alla pronuncia esecutiva, dato che il ritardo nella esecuzione di questa, concretando l'inadempimento di una obbligazione pecuniaria, pu˛ comportare, a norma dell'art. 1224 c.c., il diritto agli interessi ed al risarcimento del maggior danno, che Ŕ fondato su presupposti del tutto diversi da quelli della rivalutazione automatica del debito di valore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.