Cassazione civile Sez. III sentenza n. 3491 del 12 giugno 1984

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della liquidazione del danno da lucro cessante, subito da un soggetto che godeva di un reddito saltuario per la discontinuitÓ dell'occupazione, o incerto per i rischi inerenti all'esercizio di un'impresa, non pu˛ farsi ricorso ad un parametro aritmetico corrispondente alla misura della riduzione della capacitÓ lavorativa, ma deve considerarsi, in riferimento a determinate circostanze (etÓ, condizione sociale, attitudine ad un proficuo lavoro generico) la misura presumibile di utilizzazione possibile di tale capacitÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.