Cassazione civile Sez. Unite ordinanza n. 448 del 13 giugno 1995

(1 massima)

(massima n. 1)

La condanna al risarcimento dei danni per responsabilitÓ aggravata ai sensi dell'art. 96, primo comma, c.p.c. pu˛ essere emessa anche dalle sezioni unite in sede di regolamento preventivo di giurisdizione, a carico di chi abbia proposto la relativa istanza con la consapevolezza o con l'ignoranza, gravemente colpevole, della sua inammissibilitÓ (derivante, nella specie, dalla prospettazione di questioni che la costante giurisprudenza esclude che possano essere dedotte con il regolamento preventivo di giurisdizione, per attenere al merito o comunque alle modalitÓ di esercizio della giurisdizione spettante al giudice adito). Ai fini della quantificazione del danno peraltro non Ŕ necessario che la controparte deduca e dimostri uno specifico danno per il ritardo provocato dal ricorso, tenendo conto che la Corte di cassazione, che ha facoltÓ di desumere detto danno da nozioni di comune esperienza, pu˛ far riferimento anche al pregiudizio che detta controparte abbia subito di per sŔ per essere stata costretta a contrastare una ingiustificata iniziativa dell'avversario, neppure compensata, sul piano strettamente economico, dal rimborso delle spese e degli onorari del procedimento stesso, liquidabili secondo tariffe che non concernono il rapporto fra parte e cliente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.