Cassazione civile Sez. III sentenza n. 22226 del 20 ottobre 2014

(1 massima)

(massima n. 1)

La domanda diretta al risarcimento dei danni per responsabilitā aggravata a norma dell'art. 96 cod. proc. civ. puō essere proposta per la prima volta nella fase di gravame solo con riferimento a comportamenti della controparte posti in atto in tale grado del giudizio e non č soggetta al regime delle preclusioni previste dall'art. 345, primo comma, cod. proc. civ., tutelando un diritto che, siccome conseguenza della situazione giuridica soggettiva principale dedotta nel processo, č strettamente collegato e connesso all'agire od al resistere in giudizio e, come tale, non č esercitabile in via di azione autonoma.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 25 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.