Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 34115 del 6 settembre 2007

(1 massima)

(massima n. 1)

L'installatore di uno scaldabagno alimentato a gas metano risponde per colpa della morte dell'utente conseguita al cattivo funzionamento della canna fumaria, ancorchč preesistente, della quale al momento dell'installazione egli non abbia verificato appieno la funzionalitą, se non nei limiti impostigli dalla normativa vigente, in quanto la peculiaritą del lavoro affidatogli e la pericolositą dell'opera oggetto del medesimo impediscono di ritenere circoscrivibile alla mera indicazione normativa la condotta necessariamente prudenziale e diligente che egli deve osservare, essendogli invece imposto di porre in essere tutte le cautele necessarie per evitare eventi dannosi prevedibili.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.