Cassazione penale Sez. I sentenza n. 2884 del 9 marzo 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

Il fine del conseguimento di un incontrastato controllo criminale su un determinato territorio, in vista dello sfruttamento illecito dello stesso attraverso ulteriori attivitÓ delinquenziali di tipo mafioso, ben pu˛ essere ritenuto, nei congrui casi, come configurante un motivo turpe e ignobile, in quanto, alla luce del comune sentire nell'attuale momento storico, che attribuisce sempre maggiore rilevanza alla lotta alla criminalitÓ organizzata, la perpetrazione di un omicidio per ragioni collegate alla volontÓ di potenziare l'efficienza di agguerrite organizzazioni criminali pu˛ essere considerata in contrasto con le norme fondamentali della convivenza civile e vista con profonda riprovazione da coloro che della comunitÓ fanno parte.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.